bulb3

Quali strumenti a sostegno delle micro, piccole e medie imprese? Ecco quelli della Regione Toscana

POP UP Lab ha, tra i suoi compiti, quello di contribuire alla elaborazione di proposte e linee guida che possano favorire pratiche di rigenerazione e riuso degli spazi. Per questo motivo si è costituita fin da subito una cabina di regia di cui fanno parte, oltre ai rappresentanti dell’associazione, anche i quelli dei cinque Comuni coinvolti (amministratori e tecnici) e della Regione Toscana (assessori e funzionari dei settori partecipazione, commercio e turismo). Insieme stiamo lavorando per individuare – grazie agli spunti emersi dai numerosi incontri preliminari e successivi con i proprietari dei fondi, con i popuppers e con gli altri attori coinvolti – i principali ostacoli e le proposte che possano facilitare il riuso anche temporaneo dei fondi sfitti, l’avvio di nuove attività, e la replicabilità di progetti e manifestazioni come Pop Up.

Mentre proviamo a costruire queste linee di indirizzo, cerchiamo anche di conoscere e segnalare tutte le opportunità di sostegno a nuove idee progettuali e imprenditoriali. Per questo vi vogliamo segnalare un’iniziativa che la Regione Toscana sta organizzando su tutto il territorio per far conoscere le opportunità e gli strumenti a sostegno delle micro, piccole e medie imprese nei settori del commercio e del terziario.

La nostra associazione sta seguendo da vicino questi appuntamenti (il calendario lo potete trovare qui). Ci sono bandi e opportunità che vi vogliamo segnalare: dal progetto “start up house” che promuove strumenti di microcredito per i giovani (18-40 anni) e ha l’obiettivo di favorire la presenza di nuove imprese che vadano a recuperare spazi inutilizzati (finanziando sia gli interventi di recupero edilizio che gli investimenti per la creazione dell’impresa), al fondo rotativo per sostenere il miglioramento e l’adeguamento delle strutture delle piccole e medie imprese; dal fondo di garanzia pensato per rispondere alla difficoltà di accedere al credito e offrire così una garanzia (sia sugli investimenti che sulla liquidità) al cofinanziamento di interventi di efficientamento energetico (degli immobili o/e dei processi produttivi). A questi strumenti si aggiungono le possibilità previste dal “decreto cultura” approvato dal Governo: un credito di imposta rivolto ai giovani, che sostiene investimenti su immobili recuperati o ammodernati, progetti inerenti la promozione in rete del nostro patrimonio artistico e progetti per la promozione della mobilità turistica.

Per saperne di più sulle possibilità offerte, sulle scadenze dei bandi e sulle modalità di partecipazione vi invitiamo a prendere parte ai seminari e a visitare le pagine dedicate sul sito della Regione Toscana.

 

Image courtesy of winnond at FreeDigitalPhotos.net

woca2

Cosa dicono i popuppers? Ecco i rapporti dei world cafè in loro compagnia

POP UP Lab punta a sperimentare pratiche innovative di riapertura degli spazi chiusi delle città. Un aspetto fondamentale della sperimentazione è la raccolta del punto di vista dei protagonisti di queste esperienze, per capire da loro su cosa investire per innovare e migliorare le politiche comunali e regionali in questi ambiti.

Per questo, oltre ai laboratori, ai temporary shops e agli atelier, POP UP Lab crea anche momenti di confronto tra i popuppers, cioè tra i vincitori della call for ideas selezionati per animare i fondi vuoti del centro storico con le loro idee, i loro laboratori e le loro attività, commerciali, culturali, sociali. Perché possano conoscersi, scambiarsi idee e opinioni e condividere le loro raccomandazioni.

Questi momenti sono i world cafè con i popuppers, incontri informali che si svolgono durante i tre giorni di Pop Up: attorno ad un tavolo da caffè pranziamo insieme e facciamo il punto della situazione, raccogliendo commenti ed idee. Sabato 6 Dicembre a Empoli e Sabato 13 Dicembre a Campi Bisenzio si sono svolti i primi due world cafè con i popuppers. Abbiamo voluto sperimentare una metodologia di incontro adatta a raccogliere indicazioni e suggerimenti in maniera immediata e allo stesso tempo facilitasse la conoscenza e lo scambio tra i partecipanti.

Gli spunti che ci hanno offerto sono molti e ricchi. Li abbiamo riassunti e sintetizzati in due rapporti di sintesi che trovate qui:

World cafè con i popuppers di Empoli

world cafè con i popuppers di Campi Bisenzio

A questi si uniranno quelli degli incontri che si svolgeranno negli prossimi comuni.

Buona lettura!