screenshot.345

SPAZI+IDEE=PROCESSI. A FIRENZE IL WORKSHOP POP UP SULLE PRATICHE DI RIUSO DEGLI SPAZI

Con la fine del mese di Novembre 2015 “chiudiamo” la sperimentazione del progetto regionale Pop Up: riapriamo la città. Il progetto, che è stato realizzato in cinque comuni Toscani sotto il coordinamento dell’associazione Pop Up, di Sociolab ricerca sociale ed il supporto di tanti partner e istituzioni, ha realizzato una sperimentazione con l’obiettivo di codificare strumenti  capaci di trasformarsi in politiche di rigenerazione urbana e sociale delle nostre città. Il progetto, che oggi volge al termine, ha dato ottimi risultati che vogliamo condividere con voi.

Allo stesso tempo, proprio perché per noi questa non è una fine ma l’inizio di un percorso di crescita e di dialogo, abbiamo deciso assieme alla Regione Toscana che ha sostenuto e promosso il progetto, di  trasformare questo evento in una occasione di confronto e di scambio tra esperti, practitioners e protagonisti del settore. Riunendoli in una location suggestiva e significativa a discutere dei temi che gli/ci sono più cari: la sperimentazione di pratiche innovative di riuso degli spazi abbandonati o sottoutilizzati per costruire nuove forme di governance delle città.

Nasce così il workshop “Spazi+Idee=Processi” che si tiene venerdì 27 Novembre 2015 dalle 14.30 alle 18.30 a Firenze, nella storica e bellissima cornice della Palazzina Reale, in Piazza della Stazione, 50. L’evento, oltre ad essere sostenuto e promosso dall’Autorità per la Partecipazione e dalla Regione Toscana, è patrocinato dalla Fondazione Architetti e dall’Ordine degli Architetti di Firenze. Al workshop, sarà presente l’Assessore regionale Vittorio Bugli.

La finalità del workshop è quella di facilitare un confronto tra portatori di competenze nel settore e referenti di amministrazioni locali e regionali per definire insieme linee guida utili al superamento dei principali ostacoli e alla promozione di pratiche di riuso condiviso, sociale e culturale degli spazi, per produrre indicazioni operative che siano utili alla Regione Toscana e non solo per l’adozione di strumenti e di politiche per favorire riuso e rigenerazione degli spazi delle città.

Il workshop sarà organizzato in tavoli di lavoro supportati da facilitatori esperti. Tra i temi che affronteremo vi sono i processi di co-design delle politiche pubbliche come forma di promozione di innovazione sociale e qualità urbana; gli spazi e gli strumenti attivabili dalla P.A per facilitare simili pratiche; il ruolo dei soggetti privati nella costruzione di pratiche condivise; le opportunità di sviluppo offerte dalle sperimentazioni di riuso di spazi urbani.

A conclusione del workshop si terrà un aperitivo popup curato dall’Associazione Fairmenti a cui tutti i partecipanti sono invitati, mentre i locali della Palazzina Reale ospiteranno durante lo svolgimento del workshop l’installazione “Connessioni” dell’artista Francesco Siani, curata dall’Associazione Yab,  oltre a videoproiezioni e reportage foto dell’Associazione Deaphoto e dell’Associazione Fosterkill.

Le iscrizioni sono aperte ad esperti, amministratori, innovatori, popuppers e cultori della materia, fino ad esaurimento posti. Per info ed iscrizioni potete scrivere a partecipa@popuplab.it

#riapriamolacittà

(Clicca sull’immagine per scaricare il PDF dell’evento)

POPUP27NOV2015

 

 

 

 

 

city_commons_Bologna

LA CITTÀ COLLABORATIVA COME BENE COMUNE

E’ stato un piacere partecipare venerdì 6 Novembre alla prima conferenza mondiale sugli urban commons, promossa da IASC – International Association for the Study of Commons e da Lab Gov – Laboratory for the Governance of the commons.

La conferenza era dedicata alla città come bene comune e piattaforma collaborativa e si è svolta all’Opificio Golinelli, a Bologna. Per due giorni, tanti studiosi e esperti da tutto il mondo si sono confrontatati sulla possibilità di trasformare le città laboratorio di gestione condivisa dei beni comuni urbani: Tine De Moor, Sheila Foster, Christian Iaione, Michel Bauwens, David Bollier, Ezio Manzini, Silke Helfrich, oltre a più di 100 ricercatrici e ricercatori e practitioners provenienti dai cinque continenti hanno presentato i risultati dei loro studi e della loro pratica sul campo.

Abbiamo soprattutto apprezzato la possibilità di ascoltare le ricerche e le esperienze di studiosi e practioners nel campo della governance collaborativa e della gestione condivisa dei beni comuni urbani: da New York, alla Grecia, ci siamo confrontati con una pluralità di esperienze che dal micro al macro, hanno offerto una molteplicità di spunti, riflessioni, interrogativi aperti e risposte condivise, storie di successi e fallimenti che fanno crescere e tornare alla carica. Tutto questo nel quadro di una riflessione collettiva sul governo condiviso delle città e sulle possibilità di lavorare in sinergia con attori diversi: cittadini attivi e innovatori sociali, associazioni e organizzazioni di volontariato, imprese responsabili verso il territorio, istituzioni culturali e cognitive come scuole e università, funzionari pubblici e politici locali, che in una città vivono ed operano.

Anche noi abbiamo dato il nostro contributo presentando l’esperienza di POP UP, un laboratorio di pratiche collaborative che sperimenta nuove modalità di coinvolgimento per rivitalizzare le nostre città, sostenere la creatività di designers e innovatori e facilitare la riapertura degli spazi chiusi o sotto-utilizzati delle nostre città.

Screen Shot 2015-11-08 at 7.49.27 PM

(Clicca sull’immagine qui sopra per scaricare il PDF del poster di POP UP)